Studio Dentistico Marchesin | Odontoiatria restaurativa o conservativa
L’odontoiatria restaurativa o conservativa è la branca dell’odontostomatologia che si occupa della prevenzione e della terapia delle lesioni.
studio dentistico, studio dentistico marchesin, marchesin, dentista, denti, odontoiatria
16875
page-template-default,page,page-id-16875,page-child,parent-pageid-15338,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Odontoiatria restaurativa o conservativa

L’odontoiatria restaurativa (o conservativa) è la branca dell’odontostomatologia che si occupa della prevenzione e della terapia delle lesioni, sia congenite che acquisite, dei tessuti duri dei denti.

 

Ha come obiettivi:

  • l’eliminazione dei fattori causali della malattia;
  • la motivazione del paziente ad un ottimale controllo della placca batterica ed a seguire una corretta alimentazione;
  • l’intercettazione ed arresto, se possibile, delle lesioni decalcificanti iniziali mediante terapie non invasive e di rimineralizzazione;
  • la prevenzione delle lesioni cariose mediante misure non invasive (sigillatura dei solchi);
  • la terapia convenzionale delle lesioni dei tessuti duri per il mantenimento della vitalità pulpare e la prevenzione di futuri danni ai tessuti calcificati;
  • la restituzione di forma e funzione dei singoli denti;
  • l’integrazione estetica del restauro alla normale distanza di conversazione, se ciò é desiderato dal paziente e clinicamente attuabile.

 

L’odontoiatria restaurativa, non accompagnata da attente misure di prevenzione e profilassi, risolve solo temporaneamente i problemi del paziente; le lesioni cariose, infatti, torneranno probabilmente a manifestarsi. È consigliabile, perciò, che le procedure restaurative siano accompagnate e seguite da misure di profilassi individuale.
Il trattamento restaurativo deve essere inserito in tempi corretti nell’ambito di un piano di lavoro che individui e colleghi tra loro i problemi del paziente: non deve essere unicamente focalizzato alla terapia delle lesioni cariose e deve prevedere:
La carie dentale è una malattia che si può in larga parte prevenire.
Un buon programma preventivo comprende sedute di igiene orale, sedute periodiche di controllo, applicazione di fluoro sia professionale che domiciliare (sciacqui, paste dentifricie, ecc.), istruzioni per il controllo domiciliare della placca e suggerimenti dietetici.

I pazienti con superfici radicolari scoperte (recessioni gengivali, pazienti anziani…) sono maggiormente a rischio di carie della radice. Tali pazienti vanno motivati ad una igiene efficace ed alla auto-applicazione di fluoruri.
Un aumentato rischio di carie è, altresì, presente in pazienti che assumono particolari farmaci o il cui flusso salivare, per diverse ragioni, sia ridotto.
La carie dentale si può in larga parte prevenire; i programmi di prevenzione dovrebbero, quindi, precedere, accompagnare e seguire il trattamento conservativo. Una corretta diagnosi di carie e la determinazione della sensibilità pulpare deve precedere ogni procedura terapeutica.
Eventuali problemi parodontali ed occlusali andrebbero valutati prima di intraprendere qualunque tipo di terapia conservativa.

 

Tutti i materiali da restauro, i sottofondi e gli adesivi dentinali sono sensibili all’umidità. Un buon isolamento del campo operatorio riduce l’inquinamento batterico della dentina e protegge i tessuti molli da possibili eventi traumatici.
Fatta diagnosi di carie si rende necessario il trattamento della stessa preservando il più possibile i tessuti mineralizzati sani. Infatti, massima deve essere la limitazione dell’estensione cavitaria, compatibilmente con le tecniche ed i materiali scelti per il restauro.
Le dimensioni della cavità sono direttamente proporzionali all’estensione del processo carioso. Le procedure di taglio dei tessuti duri vanno eseguite sotto abbondante getto d’acqua per evitare lesioni al complesso pulpo-dentinale.
Un bordo cavitario liscio e senza fratture influenza particolarmente l’adattamento marginale del restauro, e, quindi, la sua durata nel tempo. Per questo motivo è necessario rifinire il margine con strumentario adeguato.
La preparazione cavitaria deve essere la più conservativa possibile, compatibilmente con le tecniche ed i materiali scelti per il restauro.

La rifinitura corretta dei margini è raccomandata in quanto migliora l’adattamento marginale ed influenza la durata nel tempo dei restauri. Un corretto isolamento del campo operatorio garantisce il risultato terapeutico. Una volta terminato il percorso terapeutico conservativo, al paziente va consigliato un programma di mantenimento che preveda visite di controllo, sedute di igiene orale professionale con l’eventuale applicazione topica di fluoruri. La presenza incontrollata di placca batterica, ovviamente, aumenta il rischio di carie secondaria per qualunque restauro. La collaborazione del paziente è, quindi, discriminante positiva per il successo nel tempo della terapia conservativa.

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, nel rispetto della tua privacy e dei tuoi dati. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi